Tendenze Social 2021

Tendenze social 2021. Le conferme e le novità da conoscere per costruire una strategia di successo

La pandemia da Covid 19 ha letteralmente rivoluzionato le nostre vite, i nostri stili, le abitudini, le prassi quotidiane. A livello sociale, sono diminuite le occasioni di contatto reale con le persone, e di converso sono aumentati i contatti digitali, con un aumento esponenziale degli usi delle tecnologie e delle piattaforme digitali. Negli ultimi mesi, i social network hanno registrato numeri da capogiro. Secondo Comscore, che ha analizzato i comportamenti degli utenti durante il lockdown e nel periodo successivo, c’è stato un notevole incremento del tempo trascorso sui social, soprattutto tra i giovani: in termini di tempo speso, Facebook è il primo social con 26 minuti medi al giorno per utente e una crescita del +49% rispetto all’anno precedente, seguito da Whatsapp con 20 minuti medi al giorno per utente e una crescita dell’81%. In termini di diffusione è invece Youtube il social più utilizzato, seguito da Facebook, Whatsapp e Instagram. TikTok è invece la piattaforma che ha registrato un maggior tasso di crescita.

Non sappiamo con certezza quello che accadrà a livello sanitario e sociale nei prossimi mesi, ma è evidente che, se anche la pandemia dovesse terminare, le conseguenze che il Covid 19 ha avuto sulle nostre vite sono state talmente impattanti da lasciare tracce indelebili per i prossimi anni. Gli utenti e i consumatori hanno modificato in maniera significativa le pratiche di fruizione dei contenuti, le modalità di interazione, le abitudini di acquisto, e tutto questo difficilmente cambierà.

In questo articolo, proveremo ad analizzare quanto accadrà sui social network, a comprendere cosa il consumatore si aspetta e gradirà, nonché come i brand dovranno orientarsi per ideare strategie capaci di rispondere a queste esigenze e siano funzionali al raggiungimento degli obiettivi, anche e soprattutto di business.

  1. Piattaforme social, formati, contenuti: cosa cambierà?

Sfatiamo subito un mito: nel 2021 Facebook non morirà e anzi, continuerà ad essere la prima piattaforma social al mondo per numero di utenti. Instagram continuerà ad essere il social media con il grado più elevato di coinvolgimento da parte degli utenti (il regno degli influencer!) mentre LinkedIn proseguirà la sua ascesa nell’Olimpo del settore professional, con i suoi utenti che continueranno ad utilizzarla sempre di più per il proprio personal branding. Non si potrà non considerare TikTok, che si presume continuerà il suo trend di crescita anche nel 2021. Il target, di giovanissimi e adolescenti fino a pochi mesi fa, è cresciuto, e a breve si attesterà intorno ad una fascia di utenti già maggiorenni e consumatori a tutti i livelli. Possiamo dire in generale che non ci saranno stravolgimenti nelle piattaforme social oggi dominanti: certamente si modificheranno, adeguandosi ai trends del momento e ai gusti dell’utenza, così come accaduto anche recentemente con l’avvento dei Reels di Instagram (molto simili ai video di TikTok) o delle storie di Linkedin.

In questo scenario in continua evoluzione, il 2021 segnerà delle conferme importanti: tra queste, la forza dei gruppi, che saranno anche nel 2021 i luoghi privilegiati in cui gli utenti si ritroveranno per scambiarsi le loro opinioni, lasciare le loro recensioni, discutere su temi sociali, costruire relazioni nel mondo digitale. Tra le conferme 2021, si attesterà il grande successo dei video, che continueranno ad essere il formato prediletto dagli utenti. Si registrerà un incremento del live streaming e un aumento di popolarità e di utilizzo dei “video brevi”: i Reels di Instagram, appunto, e di TikTok. I brand dovranno adeguarsi a questi nuovi format, riuscendo a raccontare i propri prodotti o servizi in tempi ridottissimi e con creatività sempre più accattivanti. E non escludendo di poter coinvolgere sempre di più i propri utenti nella creazione dei contenuti. Nel prossimo futuro lo user generated content avrà un ruolo sempre più importante, stimolato soprattutto da TikTok, e dai Reels. Nei prossimi mesi, registreremo una crescita del remixing: i brand ispireranno i propri follower a riprodurre i propri contenuti a modo loro, fornendo loro asset creativi, dotandoli di template, strumenti e risorse per creare contenuti originali, generando un altissimo coinvolgimento sui social.

  1. L’eredità del Covid: empatia e nostalgia per una comunicazione vicina all’utente.

Come dicevamo, se i gusti e le abitudini degli utenti muovono i cambiamenti delle piattaforme, i brand dovranno adattarsi, sia nell’uso dei diversi e nuovi strumenti messi a disposizione dei social sia nella comunicazione e nei contenuti proposti.

In questo scenario ancora dominato dalla pandemia, i brand dovranno cercare di costruire una relazione sempre più profonda ed empatica con i loro clienti: le analisi delle loro conversazioni on line, delle loro preoccupazioni e dei loro desiderata saranno imprescindibili nella definizione di qualsiasi strategia di comunicazione e di marketing, anche sui social. A livello contenutistico, occorrerà creare contenuti altamente emozionali ed evocativi. Non appena la crisi pandemica ha colpito le nostre vite, le piattaforme di social media monitoring hanno registrato un aumento significativo di parole chiave legate alla nostalgia o al ricordo (Fonte TalkwalkerSocial Media Trends 2021”). Per questo motivo, cresceranno nel 2021 i contenuti nostalgici, che creano un collegamento con i ricordi positivi del passato, per provare a rispondere al senso di solitudine e di incertezza per il futuro.

  1. Un imperativo? Parlare con il pubblico e svelargli il lato umano del brand

Gartner ne parlava già nel 2018, ma il trend del conversational marketing, ovvero di quella tipologia di marketing basato sulla conversazione tra brand e cliente dopo il 2020 non potrà più essere un accessorio. Stabilire una relazione con il cliente, parlare con lui, rispondere alle sue richieste, costruire una conversazione, saranno dei veri e propri imperativi. Sarà quindi necessario studiare il proprio pubblico, capire quali sono i suoi pensieri, studiarne le caratteristiche, nonché usare un tone of voice più “morbido” e naturale, e creare contenuti funzionali a questo, aumentare il tempo e le risorse dedicate alla messaggistica. Come riportato nell’ultimo report annuale di Hootsuite, attualmente, persone e organizzazioni si scambiano oltre 20 miliardi di messaggi al mese su Facebook Messenger: un dato dieci volte superiore rispetto al 2016. Questo dato continuerà ad aumentare anche negli anni a venire, con la crescente necessità delle aziende, piccole e grandi, di adeguarsi a questa nuova sfida, rispondendo ai messaggi in maniera individuale. Certo, si registrerà un grande uso dei Bot, ma occorrerà non esagerare con l’automazione, per evitare l’abbandono da parte degli utenti “frustrati” dall’assenza di interazione umana.

Questa apertura all’ascolto e alla relazione esporrà i brand alla necessità di mostrare il loro lato “umano”. Il mercato premierà i brand autentici, percepiti come veri, onesti e trasparenti. I brand dovranno svelare il loro volto, presentarsi al pubblico come fossero un vero e proprio palazzo di vetro, e prendere una posizione, anche rispetto a temi quali la tutela dell’ambiente, l’inclusività, la sostenibilità per rispondere alle aspettative dei loro potenziali clienti.

Solo chi si esporrà e si metterà in gioco, riuscirà a suscitare nel pubblico un senso di appartenenza e una condivisione dei valori. Questo passaggio consentirà di trasformare il cliente in un ambassador del brand, che lascerà recensioni positive e difenderà il brand nelle conversazioni meno positive. Più clienti parleranno bene del brand on line, maggiori saranno i ritorni per il brand stesso.

  1. L’exploit del social commerce e l’influencer marketing

A proposito di ritorni di business,, nel periodo pandemico anche le micro e piccole imprese hanno compreso l’importanza di essere e di vendere on line, costrette dalla impossibilità dei clienti di recarsi fisicamente nel punto vendita e con la prospettiva di raggiungere un pubblico molto più ampio, potenzialmente enorme, svincolato dai limiti territoriali.

Il 2021 sarà l’anno dell’exploit del social commerce, connubio perfetto tra Social Network e e-commerce. E se fino ad ora i social consentivano di creare una vetrina di prodotti che permetteva agli utenti di ricevere tutte le informazioni in merito alle caratteristiche dell’offerta ed i relativi prezzi, a breve anche in Italia Facebook e Instagram in primis, poi anche Messenger e Whatsapp permetteranno a tutte le imprese di vendere direttamente senza uscire dalla piattaforma.

Questa opportunità rappresenta una vera e propria innovazione nel mondo dello shopping on line, ma anche nel social media marketing, dacché consentirà alle aziende di verificare con maggiore precisione il ritorno degli investimenti.

In ambito commerciale, il 2021 vedrà una conferma del successo dell’influencer marketing, che tuttavia, come spiega Buzoole nel suo report “I trend dell’Influencer Marketing 2021”, sarà caratterizzato sempre di più da “qualità, controllo e misurazione evoluta”. Non più improvvisazione, ma garanzia di qualità e soprattutto verifica dell’impatto dell’influencer marketing sulle kpi del brand.

  1. l gaming e la realtà aumentata

Nel periodo dei lockdown e in generale del confinamento sociale sono stati tantissimi gli utenti che hanno scelto i videogame, soprattutto quelli che prevedono il coinvolgimento di più utenti contemporaneamente. Considerati una forma di distrazione, sono diventati – e lo saranno anche nei prossimi mesi – un modo molto apprezzato per conoscere persone, creare rete e socializzare. Le community nate sui social e legate a questi giochi hanno registrato numeri da capogiro.

In funzione della crescita del gaming e di tutto l’universo che gli ruota attorno non è escluso che in un prossimo futuro le piattaforme di gioco e i social non possano gradualmente “con-fondersi”. La realtà aumentata avrà un ruolo di primo piano. Il progetto Aria di Facebook (https://www.facebook.com/facebook/videos/327314611690237/), che prevede di realizzare nuova generazione di dispositivi indossabili in realtà aumentata, ne è solo un esempio.

 

Prepariamoci, dunque, ad una serie di importanti innovazioni. Il futuro è alle porte, anche sui social.

Annalisa Nastrini

La pandemia e un futuro sempre più digitale

In un momento in cui domina l’incertezza, la digitalizzazione è un punto fermo. Riscrive le nostre vite dentro e fuori casa e rivoluziona i modelli aziendali, creando nuove opportunità anche per le assicurazioni, come racconta in questo articolo Marco Buccigrossi, Direct Business Director di Verti

Quello che stiamo vivendo è un 2020 assolutamente inedito. Un anno che continua a inciampare su sé stesso, che ci mette alla prova giorno per giorno. In primavera, con l’arrivo della pandemia, molte nostre certezze sono venute meno e il nostro spirito resiliente ne è uscito provato. Oggi, con l’inverno alle porte e l’arrivo della seconda ondata, i punti di domanda e le preoccupazioni sul futuro restano. Eppure oggi abbiamo una nuova certezza su cui contare: la trasformazione digitale, una vera e propria cultura che contribuisce e contribuirà sempre più a ridefinire le nostre vite e a ricostruire la nostra “nuova normalità”.

Il digitale non è un’opzione
La tecnologia digitale dialogava con la nostra quotidianità già prima del coronavirus, certo. Ciò che sorprende è la velocità con cui, negli ultimi mesi, ha riscritto le nostre abitudini e aperto le nostre menti. Oggi la digitalizzazione non è più un’opzione, ma è la nuova regola per lavorare, giocare, studiare e interagire con il mondo. E la quantità di innovazioni introdotte nelle nostre vite in questi mesi lo dimostra: abbiamo modificato irreversibilmente i nostri comportamenti, sposato nuovi punti di vista e maturato nuove esigenze.

Il nostro futuro è oggi
Quando la scala delle priorità si ribalta e le persone cambiano mentalità, le imprese non possono che adeguarsi e trasformarsi negli interlocutori che i consumatori desiderano avere. In questi mesi molte aziende si stanno reinventando. Da uno studio condotto dal colosso informatico IBM, emerge che sei organizzazioni su dieci, dalle aziende tradizionali alle startup, stanno ricostituendo i propri modelli di business per renderli più digitali. La riconversione digitale adesso è una priorità per tutti, se non si vuole correre il rischio di essere “tagliati fuori”. Questo è il momento giusto per ripartire e ripensarsi; il nostro futuro dipenderà dalle azioni che saremo in grado di mettere in pratica adesso. In questo scenario le assicurazioni devono necessariamente accelerare il passo.

Verso le assicurazioni di domani
Per il settore insurance costruire un modello di business basato sulle nuove tecnologie digitali è fondamentale non solo per rispondere ai bisogni emergenti dei consumatori, ma anche per attirare segmenti di pubblico che, per reddito e cultura, erano rimasti esclusi. La digitalizzazione è una grande opportunità per favorire la costruzione di un’offerta personalizzata e flessibile, in linea con le esigenze sempre più fluide delle persone. Secondo la ricerca “Millennials e le Assicurazioni: che cosa cambia dopo il Covid-19”, condotta dall’Italian Insurtech Association, in Italia la penetrazione media per quanto riguarda la copertura RC auto nel pubblico 23-38 anni è del 65%, mentre è assolutamente marginale negli altri rami assicurativi. Sorge spontanea una domanda: perché i giovani dialogano così poco con le assicurazioni? La ragione, evidenziata dalla ricerca, sta nell’insoddisfazione verso le caratteristiche dell’offerta tradizionale, giudicata poco immediata. E, infatti, vediamo come le polizze digitali on demand attirino invece un numero crescente di persone, proprio grazie alla loro flessibilità. Una tendenza confermata anche dal nostro VertiMovers, – l’Osservatorio sulle tendenze emergenti nella società italiana – i cui dati parlano chiaro: il 76% degli utenti preferisce il canale web, rispetto a quello telefonico, per richiedere un preventivo. E non è difficile immaginare il perché, considerando che dal nostro sito sono sufficienti 15 secondi per soddisfare questa richiesta. La sfida sarà, quindi, quella di rendere i prodotti sempre più intuitivi e  personalizzati, integrare le tecnologie insurtech nei modelli di gestione e puntare su modelli di comunicazione e distribuzione sempre più agili e immediati.

Verti c’è.
Disintermediazione, e-commerce, intelligenza artificiale e customer experience semplice e immediata: sono queste le parole chiave del mondo assicurativo. E in Verti lo sappiamo bene, perché sono i principi che da sempre ci ispirano. Mentre altri, qualche mese fa, cambiavano rotta per rispondere alle esigenze della “nuova normalità” innescate dalla pandemia, noi – che nasciamo digitali – non abbiamo avuto bisogno di farlo, perché il nostro modello di business aveva già un DNA digitale. Abbiamo semplicemente accelerato il passo e continuato a fare quello che facciamo da sempre: giocare d’anticipo, essere sempre avanti e in #MOV1MENTO. Ogni giorno a guidarci sono le esigenze delle persone e le evoluzioni del mercato, unite a una giusta dose di intuito e praticità. Solo così possiamo trovare le risposte che i nostri clienti si aspettano da noi.